La Ferrini conferma Mirko Pilo

La Ferrini conferma Mirko Pilo

Il club di via Pessina si lega ancora alla 31enne guardia sassarese, reduce da una stagione da oltre 15 punti di media.

Anche nella stagione 2019/2020 la Ferrini potrà contare sull’esperienza e sul talento di Mirko Pilo. Il club di via Pessina annuncia con soddisfazione, infatti, di aver raggiunto un accordo per la permanenza a Quartu Sant’Elena della guardia tiratrice classe 1988, che sarà biancoverde per il secondo anno consecutivo.

LA SCHEDA – Il 31enne esterno sassarese ha iniziato il suo percorso cestistico nelle fila del Basket 90. Dopo di che è passato alla Dinamo Sassari, società con cui ha completato la trafila giovanile fino ad arrivare alla prima squadra. La sua carriera è poi proseguita tra Robur (Serie C1) e Sant’Orsola (C regionale). Quindi l’importante avventura con la canotta dell’Edera Bakkus, che ha contribuito a condurre dalla C regionale fino alla Serie B2. Terminata l’esperienza in gialloviola, Pilo è tornato a vestire i colori del Sant’Orsola, accompagnandolo alla promozione in DNC e disputando successivamente degli ottimi campionati a livello nazionale. Nel novembre del 2015 ha scelto di legare le sue sorti a quelle dell’Accademia Basket Sestu, e con i Pirates Pilo si è fatto onore conquistando da protagonista la promozione in Serie B (con 25 punti a referto è stato il miglior marcatore nella sfida decisiva contro l’Enic Firenze). Nelle due stagioni in B con il sodalizio sestese, Mirko ha fatto registrare medie di circa 9 punti in 20 minuti di impiego, mantenendo inoltre delle ottime percentuali al tiro da tre punti. La scorsa estate, infine, ha scelto di sposare il progetto Ferrini. Nella prima annata in via Pessina, per Pilo, sono arrivati numeri lusinghieri: 15.2 punti di media in 25 presenze con un season high di 29 nella sfida dell’8 dicembre contro la Torres. Nel match valido per i playoff nazionali contro Torrenova è stato inoltre il miglior marcatore di squadra con 15 punti personali.

IL COMMENTO – “Da quando vivo a Cagliari gli impegni lavorativi sono cresciuti in maniera esponenziale – racconta Mirko – sono sincero: ogni anno valuto l’idea di chiudere con il basket, ma la realtà è che non mi sento ancora pronto. Quando finisce una stagione sono spesso stanco, poi però basta qualche settimana di pausa ed ecco che la voglia di giocare torna più forte di prima. Ritengo che non si possa vivere solo per lavorare. Il basket rappresenta ancora lo spazio che ogni giorno ritaglio per me stesso. Alla Ferrini sto bene: qui ho trovato prima di tutto una società ambiziosa. Chi mi conosce sa che nella mia carriera ho sempre avuto il desiderio di giocare in squadre che avessero degli obiettivi importanti. E’ stato così all’Edera, al Sant’Orsola e anche a Sestu, giusto per citare qualche caso. Ma non è tutto: qui ho trovato anche tanti amici: il presidente e i dirigenti sono delle persone super, che non mettono mai pressioni e che mi aiutano a scendere in campo con il sorriso. Ho vissuto tante realtà diverse in questi anni, e posso assicurare che non è scontato trovare questo genere di ambiente. Andare in campo sereni aiuta a sviluppare un senso di appartenenza. La squadra di quest’anno? Possiamo contare su dei giocatori che rappresentano un lusso per la categoria, ma questo non significa che vinceremo automaticamente il campionato. L’esperienza dello scorso anno insegna che bisogna sempre avere grande rispetto degli avversari. Per compiere l’ultimo salto di qualità credo possa essere utile allungare la rotazione, facendo leva anche sull’energia dei nostri giovani. Credo che questo aspetto si ricolleghi anche alla sconfitta nei playoff nazionali dello scorso anno: le avversarie erano assolutamente alla nostra portata, ci è mancato solo un pizzico di lucidità, che avremmo senz’altro potuto avere in caso di squadra leggermente più lunga”.

“La conferma di Mirko è stata fortemente voluta da staff dirigenziale e tecnico – commenta il dirigente Marco Secci – le sue indubbie doti tecniche, unite ad un lato umane di enorme spessore, non ci hanno fatto avere il minimo dubbio sul fatto che dovesse ricoprire un ruolo di primo ordine all’interno del nostro roster. Siamo davvero contenti e convinti che con le conferme del gruppo senior e i nuovi arrivi le sue qualità di guardia tiratrice vengano ulteriormente esaltate”.

Uff. Stampa G.S. Dil. Basket Ferrini Quartu Sant’Elena

4 settembre [13:07]
di Redazione PlayBasket