Bergamo c'è, battuta l'Urania Milano nella prima giornata di Supercoppa LNP

Bergamo c

Una Bergamo mai doma vince la prima partita ufficiale della stagione, battendo di stretta misura l’Urania Milano con il punteggio di 71-70 nella prima giornata del girone giallo di Supercoppa LNP. Gli uomini di Calvani dimostrano di avere carattere, giocando viso a viso contro un avversario ricco di elementi esperti e di talento come Milano; nemmeno a -9 con tre minuti da giocare, Bozzetto e compagni si sono dati per vinti, e hanno ribaltato la gara grazie ad un incredibile finale al cardiopalma. Decide il match il lay-up di Lautier-Ogunleye, il migliore per Bergamo con i suoi 24 punti a referto, a meno di due secondi dal 40’. Ora per Bergamo arriva la trasferta di Montichiari, casa momentanea dell’Agribertocchi Orzinuovi (palla a due mercoledì 11 settembre al PalaGeorge, ore 21.00) nella seconda giornata di Supercoppa.

La partita è viva sin dalle prime battute: Lautier-Ogunleye si prende responsabilità in attacco e trova punti dalla lunetta, Milano replica con l’impatto fisico di Lynch sotto i tabelloni. Bergamo c’è, attacca fluida e trova le triple dei suoi stranieri per spingersi avanti (18-15 al 7’), prima che Raivio ribalti la situazione per i suoi con un paio di soluzioni di puro talento. Marra e Dieng in chiusura scrivono il 24-24 del 10’, e dal primo break escono bene con un 6-0 che dà loro il massimo vantaggio (30-24 al 12’). Milano si rialza in fretta con il solito Raivio, la gara è sempre vibrante anche se si segna meno (33-33 al 16’), gli ospiti allungano sul finale grazie a Sabatini e Benevelli per il 39-43 con cui le squadre vanno negli spogliatoi.

Bergamo rientra dall’intervallo lungo concentrata e tiene botta, trovando il sorpasso con Lautier-Ogunleye (47-46 al 24’), vantaggio corroborato dallo stesso inglese con un altro paio di canestri. Milano non cede perché ha tante frecce al proprio arco, la gara stagna a seguito di qualche errore di troppo, Benevelli dall’arco firma il controsorpasso (53-54 al 30’), ed è sempre il capitano dei biancorossi a fare male dalla lunga distanza. Bergamo paga ad inizio di ultima frazione un po’ di stanchezza e fatica a trovare soluzioni pulite in attacco, Milano scappa sul +7 (53-60 al 34’) e tiene il pallino. Piunti fa male con la tripla del +9, Carroll risponde con la stessa moneta prima del rush finale, dove gli uomini di Villa commettono l’errore di alzare troppo presto le mani dal manubrio. Bozzetto fa -3 dalla lunetta (67-70 a 38” dal termine), Raivio non chiude i conti e con 13” sul cronometro inizia, di fatto, un’altra partita. Raivio si vede fischiato un fallo antisportivo su Carroll, il quale è preciso dalla linea a mette Bergamo a -1; sul possesso seguente Zugno trova lo spiraglio per far arrivare la palla a Lautier-Ogunleye che segna il lay-up del sorpasso interno a 1”90 dalla sirena. Dopo il time-out ospite, tocca a Costi vedersi fischiato un fallo tecnico per interferenza sulla rimessa in gioco, ma Montano trema e sbaglia il libero del pareggio, e l’ultima preghiera di Benevelli si spegne sul ferro, per l’esultanza dei gialloneri. Al PalaAgnelli finisce 71-70 in favore di Bergamo.

BERGAMO-URANIA MILANO 71-70 (24-24, 39-43, 53-54)

BERGAMO: Zugno 3 (1/5, 0/2), Lautier-Ogunleye 24 (4/9, 2/4), Carroll 12 (1/5, 2/5), Costi 12 (1/2, 2/3), Bozzetto 8 (1/4, 1/2); Allodi 4 (2/3), Marra 4 (2/5, 0/1), Dieng 4 (1/2, 0/2), Crimeni, Aristolao n.e., Augeri n.e., Bertuletti n.e.. All. Calvani

URANIA MILANO: Sabatini 13 (4/8, 0/5), Raivio 16 (3/7, 3/4), Negri (0/1 da tre), Benevelli 20 (3/6, 3/8), Lynch 7 (3/9); Montano 7 (3/5, 0/6), Piunti 5 (1/3, 1/1), Pagani, Giardini 2 (1/1, 0/1), Bianchi n.e., Piatti n.e.. All. Villa

Tiri liberi: Bergamo 24/29, Urania Milano 13/18

Rimbalzi: Bergamo 34 (Carroll 8), Urania Milano 40 (Raivio 13)

Assist: Bergamo 14 (Zugno 6), Urania Milano 11 (Raivio 4)

Usciti per 5 falli: Allodi, Marra (Bergamo)

Spettatori: 550

Uff. Stampa Bergamo Basket 2014

9 settembre [12:08]
di Redazione PlayBasket
Trovaci anche su:
Playbasket.it su Facebook Playbasket.it su Twitter Playbasket.it su Youtube