Presentato ricorso alla giustizia sportiva

Presentato ricorso alla giustizia sportiva

College Basketball, a tutela della propria immagine, del lavoro dei propri collaboratori e della passione e impegno degli atleti, nonché dei sostenitori, dei genitori e degli sponsor,

COMUNICA CHE:

a seguito di un ricorso alla giustizia sportiva, che ha mutato la classifica finale del girone Interregionale UNDER 16 Eccellenza, spodestandoci dal primo posto che permette l’accesso diretto alle Finali Nazionali Under 16 di Taranto, in data odierna, ha presentato ricorso alla Corte Sportiva d’Appello.

Non ci dilunghiamo su cavilli, articoli, tempi ed interpretazioni che lasciamo agli avvocati.

Non è nostra intenzione polemizzare sui fatti e sulle procedure passate e in corso.

Preferiamo avere negli occhi la partita contro Brescia che vede i nostri ragazzi vincere la gara che ci porta con pieno diritto a gioire per la vittoria sul girone, rispettando ovviamente la delusione dei ragazzi di Brescia che al termine della gara erano ovviamente amareggiati.

Basterebbe accettare il verdetto del campo, sia in caso di vittoria che in quello ancora più educativo della sconfitta.

Ci congratuliamo con i ragazzi e lo staff per l’eccellente risultato ottenuto sul campo, che oltre alla qualificazione ha fatto si che College sia tra le otto teste di serie che si contenderanno il titolo nazionale di categoria.

Attendiamo fiduciosi che la giustizia sportiva faccia il suo corso e che non tolga quello che abbiamo conquistato, non solo a noi ma anche a tutte le altre società coinvolte, che in questo momento rischiano di vedere la più importante manifestazione nazionale di categoria falsata.

Le dichiarazioni di Federico Ferrari Direttore Generale della società:

“Da sportivo e da Dirigente sono veramente dispiaciuto del fatto che una sentenza, una decisione o qualsiasi cosa esuli dal campo, dal sacrificio e dal rispetto delle regole possa attaccare e stravolgere il risultato del campo.

Domenica sugli spalti del PalaCadorna c’erano decine di bambini e ragazzi del settore giovanile che sostenevano la squadra under 16. C’erano i genitori di entrambe le squadre e i tifosi che hanno avuto un comportamento impeccabile, c’era Luca Vitali, uno dei giocatori più rappresentativi della Nazionale, che non si è risparmiato per far felici i mini cestisti sugli spalti con foto e autografi.

Il risultati del campo ottenuti lealmente ci vedono alle Finali Nazionali. Questo è quello che conta, assieme alla festa di Domenica, il resto è in mano alla Federazione e ai Suoi organi competenti, se non credessimo nella loro mission di tutelare i risultati sportivi, sarebbe un problema per la pallacanestro.”

Ufficio Stampa College Basketball

31 maggio [13:40]
di Redazione PlayBasket